Stockholm
22 Aug, Thursday
17° C
TOP
zenzero e limone

Zenzero e limone, dal Nepal la ricetta originale degli Sherpa

L

a ricetta originale della tisana zenzero e limone l’abbiamo sperimentata l’anno scorso, nel nostro viaggio in Nepal. Stavamo facendo il trekking che conduce al primo campo base dell’Everest, quello dal quale le spedizioni partono per il tetto del mondo.

Abbiamo percorso le valli verso l’Everest (Chomolungma, “Madre della Terra”, come la chiamano in Nepal) in un periodo poco frequentato. Questo ci ha permesso di parlare e confrontarci costantemente con le guide e gli abitanti del posto: gli Sherpa. I veri custodi di questi straordinari territori.

La sera ci fermavamo nei Lodge, semplici ma attrezzati rifugi. La presenza della loro tradizionale stufa in ghisa, al centro della stanza principale, rilassava fisico e mente a fine giornata. È stato proprio qui che gli Sherpa ci raccontavano con passione, delle loro tradizioni, del legame con questi luoghi selvaggi e delle cure naturali della tradizione nepalese.

La mattina e la sera, prima di mangiare, ci portavano un thermos fumante di zenzero e limone, alla quale loro aggiungevano del miele. Questa bevanda ci accompagnava per tutto il resto del giorno.

“Gli Sherpa utilizzano la tisana zenzero e limone non solo per tenere il fisico caldo e idratato durante la stagione più rigida, ma soprattutto per rafforzare e depurare l’organismo.”

Zenzero e limone: la ricetta originale degli Sherpa

La dose è relativa ad una thermos ( 750ml) che puoi prepararti la mattina e portare con te durante il giorno. La preparazione di questa bevanda è molto semplice.

– succo di 1 limone spremuto fresco
– 1 pezzo di zenzero fresco lungo 4/5cm
– 2/3 cucchiaini di miele
– 750ml di acqua

Porta ad ebollizione l’acqua e spegni il fuoco. Nel frattempo spremi un limone e taglia a rondelline sottili lo zenzero lavato. Metti nella thermos il succo del limone e lo zenzero appena tagliato. Aggiungi infine il miele. Versaci sopra l’acqua ancora calda e mescola per far sciogliere completamente il miele. Lascia tutto in infusione.
Inizialmente lo zenzero lo troverei in superficie, non appena si inzuppa bene, andrà sul fondo della tua thermos. Noi non lo filtriamo, lo beviamo sia caldo che freddo e lo portiamo con noi durante tutta la giornata lavorativa.

Zenzero e limone: i benefici

La tisana zenzero e limone va bevuta preferibilmente prima dei pasti per aumentarne l’efficacia sia come stimolante del sistema immunitario, sia come depurativo per l’organismo.
Ma quali sono le proprietà?

Il limone è notoriamente ricco di vitamina C, con virtù antiossidanti, diuretiche e ricostituenti.

Lo zenzero è una spezia stimolante e tonica, che attiva il metabolismo, influenzando positivamente la digestione. Noto per alleviare il senso di nausea, è ben conosciuto per le sue proprietà antinfiammatorie e antisettiche. Lo zenzero è inoltre un coadiuvante per il trattamento delle malattie da raffreddamento quali raffreddore e influenza.
Dulcis in fundo, si narra che alla fine del 1200, lo zenzero si diffuse nel continente europeo soprattutto per le sue virtù afrodisiache…sarà perché questa spezia scalda il corpo e rilassa la mente? Provare per credere…

 

BIBLIOGRAFIA

B. AGGARWAL, “Le spezie che salvano la vita”, Red Ed., Milano 2014.
E. CAMPANINI, “Fitoterapia, gemmoterapia, omeopatia”, Tecniche Nuove Ed., Milano 2017.
P. CHIEREGHIN, “Farmacia verde. Manuale di fitoterapia”, Edagricole Ed., Bologna 2011.
QA INTERNATIONAL, “Il grande libro degli alimenti”, Giunti Editore, Firenze 2014.

 

ATTENZIONE – La raccolta di erbe spontanee e altri prodotti selvatici richiede molta attenzione. Le informazioni riportate in questo sito sono a mero scopo illustrativo e non sostituiscono in nessun modo il parere medico. Gli autori declinano pertanto ogni tipo di responsabilità sulla raccolta e l’utilizzo di piante selvatiche a scopo curativo, cosmetico o alimentare. Ti invitano inoltre a documentarti e rivolgerti a persone qualificate. 

Agronoma e architetto paesaggista per professione, sono un appassionata contadina, un’entusiasta apicoltrice e un’instancabile raccoglitrice. Fin da piccola, stare in un prato e fare una passeggiata in montagna erano le situazioni che più che mi rincuoravano. Prendevo zainetto, cestino, forbicine, e col mio fidato amico Rex, partivo…non sapevo a raccogliere cosa, ma non tornavo mai a mani vuote.

Commenti (1)

Scrivi un commento