TOP
Image Alt

About Us

1

instancabile
raccoglitrice

1

amante
della montagna

1

cane
aristocratico

10

incredibili
famiglie di api

1

casa colma di vasetti,
erbe e spezie

2 mondi separati da un soffio.

Fuori: campi, boschi e api, in un ambiente ricco di sorprendenti legami.
Dentro: il regno di colorate ricette con erbe dal sapore dimenticato, piante dalle proprietà antiche e il design che incontra la permacultura.

 

I Sylvatici siamo noi.
Benvenuti nel nostro piccolo mondo.

Elisa

Elisa

Agronoma e architetto paesaggista per professione, sono un appassionata contadina e un’entusiasta apicoltrice, un’instancabile raccoglitrice e un’amante della cura per i dettagli.

 

Leggi di più
Alberto

Alberto

Appassionato frequentatore della montagna in tutte le sue forme e in tutte le stagioni, fin da piccolo rimanevo affascinato dalla natura, dal territorio e dall’eleganza dell’ambiente alpino.

 

Leggi di più

Django

Cane da pastore sulla carta d’identità, modaiolo con tendenze Django-centriche nella vita.

Django è così: splendido, intelligente, collaborativo, sensibile e affettuoso.

 

Leggi di più

Il progetto Sylvatica

 

Ti è mai capitato di vederti sfuggire le stagioni, con ritmi e colori che non ti sei gustato? Di vivere in giornate dove il profumo di un fiore e la pace di un prato sono solo aspetti marginali? Di sentire sopito il legame tra te e la natura che ti circonda? Ci siamo domandati come riconciliare tale unione.

 

La risposta è stata: condividere.

Condividere esperienze, osservazioni, conoscenze, nuove scoperte. Nasce così il progetto Sylvatica. Sylvatica, per ricordarci che le nostre origini sono più spontanee, non adatte a star rinchiuse. Sono più colorate, meno grigie. Sylvatica perché richiama il nostro vero spirito, quella più sottile fatto di istinto, percezioni, eleganza, semplicità. Sylvatica perché la natura non artefatta, quella più selvaggia e indomabile, è la maestra.
L’insegnante che ci permette di costruire un futuro sano e genuino.

 

Ecco il perché di questo progetto, che non potevamo che chiamare Sylvatica.

Pensiamo che l’umile osservazione

e la comprensione di ciò

che ha mantenuto la sua spontaneità, sia un’arte.

Un’arte dove la natura è la tela.

L’uomo potrebbe esserne l’artista,

se i colori fossero fatti di conoscenza.

Il progetto Sylvatica

 

Ti è mai capitato di vederti sfuggire le stagioni, con ritmi e colori che non ti sei gustato? Di vivere in giornate dove il profumo di un fiore e la pace di un prato sono solo aspetti marginali? Di sentire sopito il legame tra te e la natura che ti circonda? Ci siamo domandati come riconciliare tale unione.

 

La risposta è stata: condividere.

Condividere esperienze, osservazioni, conoscenze, nuove scoperte. Nasce così il progetto Sylvatica. Sylvatica, per ricordarci che le nostre origini sono più spontanee, non adatte a star rinchiuse. Sono più colorate, meno grigie. Sylvatica perché richiama il nostro vero spirito, quella più sottile fatto di istinto, percezioni, eleganza, semplicità. Sylvatica perché la natura non artefatta, quella più selvaggia e indomabile, è la maestra.
L’insegnante che ci permette di costruire un futuro sano e genuino.

Ecco il perché di questo progetto, che non potevamo che chiamare Sylvatica.

Pensiamo che l’umile osservazione

e la comprensione di ciò

che ha mantenuto la sua spontaneità, sia un’arte.

Un’arte dove la natura è la tela.

L’uomo potrebbe esserne l’artista,

se i colori fossero fatti di conoscenza.